Alla natura si comanda solo ubbidendole. Francis Bacon, Saggi, 1597/1625

Ononide

Ononis spinosa L-

Bonaga – Malaghe – Medica spinosa – Pugnaca – Ulmacca – Spigna carvina – Pulicara – Ajucca – Fermabove – Restabue – Bunaga

Papilionacee

La specie Ononis spinosa è polimorfa; raggruppa almeno sei sotto specie, ma non tutte sono dotate di spine. E’ presente sulle scarpate, sui poggi, sulle dighe marittime, nelle cave e nei campi incolti. Le altre sottospecie sono tipiche delle regioni alpine e delle ragioni mediterranee. Brucata volentieri dagli asini, l’ononide è stata chiamata Ononis, che deriva dal greco onos, asino, e da ononemi, essere utile. Nell’erba da fieno, le spine della ononide sono pericolose per il bestiame, perchè feriscono le mucose impedendo agli animali di brucare. Nei campi, le radici profonde e molto tenaci impediscono i lavori di aratura e fanno rallentare i buoi che trainano gli aratri; per questo in Abruzzo l’ononide è detta fermabove e nel Lazio restabue.

Nel I sec d.C., Dioscoride, famoso botanico greco, scriveva che la scorza della radice macerata nel vino aumenta la diuresi, riduce la renella e corrode il margine delle ulcere. Nel Medioevo e durante il Rinascimento, si usava certamente la pianta di ononide.

Habitat: nei terreni argilloso-calcarei, praterie di montagna, zone aride e sassose, nei terreni asciutti da pascolo, diffusa in tutta Italia; fino a 1500 m.

Identificazione: da 10 a 80 cm. Suffrutice, pianta legnosa alla base; fusti prostrato-ascendenti, ramosi, rametti terminanti in spina, spine spesso doppie; foglie trifogliate, a una sola fogliolina alla sommità del ramo; fiori rosa (aprile-settembre), isolati all’ascella delle foglie; legume ovoidale. Odore sgradevole.

Parti utilizzate: fiori, foglie, radice (tutto l’anno).

Costituenti: tannino, resina, amido, glucosidi, ononina, onocolo.

Proprietà: antisettico, astringente, depurativo, diuretico, sudorifero.

Uso esterno e uso interno – utilizzazione farmaceutica – utilizzazione cosmetica

Indicato per: angina, cistite, eczema, edema, litiasi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...